Arles, part 1: the village

arles 1, 2011©rkr

Due cose sapevo di Arles: sono proprio vere. Una è la luce, lo aveva già detto Van Gogh. E’ speciale, calda. Vibra di energia.La seconda è che in luglio, andare ad Arles vuol dire immergersi nella fotografia. 100% fotografia. Fare fotografia, vedere fotografia, discutere fotografia, pensare fotografia. La città è fatta per gli artisti e gli spunti sono molti. Angoli, strade, persone. Basta camminare, guardarsi attorno, osservare e un soggetto interessante lo si trova. Dopo dipende dal proprio stile fotografico. Non solo i fotografi ma anche chi ama la pittura può trovare soggetti interessanti.

arles 2, 2011©rkr

Two things I knew about Arles: two things which are real. One is the light, Van Gogh already said it. It is special, warm, vibrating of energy. The town is artist friendly and there are many inspiring opportunities. Street and their corners, people. It’s enough to walk and look around, to watch with attention and there will be an interesting subject. Than it is up to the own photographic style. Not only photographers, but also who likes painting can find interesting subjects.

arles 3, 2011©rkr

arles 4, 2011©rkr

Ma Arles è anche la città delle mostre, dei festival fotografici alternativi, delle foto che sono letteralmente ovunque. E degli appassionati che studiano mappe, percorsi, programmi.

arles 5, 2011©rkr

arles 6, 2011©rkr

But Arles is also the place of the shows, of the festivals of alternative photography, of the pictures, which are everywhere. And the passionates with their maps, their routes, their programs.

arles 7, 2011©rkr

E le foto, ovunque. Un amico mi ha detto una volta: ad Arles tu sollevi una pietra e sotto c’è …una foto!

arles 8, 2011© rkr

A friend of mine told me once: In Arles you lift a stone and you’ll find …a photo!

arles 10, 2011© rkr

Avete visto dove sono le foto ? Have you seen the photos ?

arles 9, 2011© rkr

La prossima volta parleremo delle mostre che più mi hanno colpito. A presto.

Next time I’ll speak about the exhibitions which hit me in a strong way. See you soon.

One thought on “Arles, part 1: the village

  1. Pingback: Three years… | the quiet photographer

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...