My projects: photography at km zero

I miei progetti: fotografia a km zero.      please scroll down for english text, grazie!

Quando raggiungi una certa età i medici ti dicono che devi fare movimento, esercizio, camminare almeno un’ora al giorno. Ho sempre amato camminare, in montagna, in campagna ed anche nella mia città, guardandomi attorno. E a volte porto con me una macchina fotografica e scatto qualche istantanea. Da quest’abitudine è nato un nuovo progetto: fotografia al km zero. E’ vero tutti noi, almeno molti di noi (ed io sono fra questi) sognano viaggi in paesi lontani, magari un poco misteriosi dove scattare bellissime fotografie. Ma io credo che non sia necessario andare lontano per trovare soggetti interessanti. Anche i nostri dintorni, se osservati con occhio curioso e mente aperta possono offrire molti spunti. 

When you reach a certain age all the doctors tell you to practice some physical activities, or to walk at least one hour every day. I always loved to walk, in the country, in the mountain and even in my own town, looking around. And sometimes I bring a camera with me just to take a few snaps. In this way a new project has born: photography at km zero. It os true, we all or most of us (and I’m in  the group) dream of beautiful journeys in mysterious places far away where we can shoot fantastic photographs. But I believe it is not necessary to be far away in order to find interesting subjects. Even our surroundings if observed with a curious eye and an open mind can supply many hints.

strada d'inverno, 2010

Un progetto dovrebbe avere una sua struttura, una coerenza formale. Per esempio foto tutte in bianco e nero. Oppure foto che descrivano un aspetto particolarmente interessante. Io non ho ancora pianificato un approccio razionale, per ora seguo l’istinto e scatto quando provo una sia pure piccola emozione od un interesse. Più tardi, quando avrò raccolto abbastanza materiale valuterò quale via seguire per sviluppare il lavoro.  Per esempio sono attirato dagli incroci (che ora ufficialmente si chiamano intersezioni) e dagli spazi aperti.

intersection, crossroad, intersezione, incrocio

intersezione, 2011

A project should have a specific structure, a  formal coherence. Like black and white photos, or a collection of similar subjects. By now I have not yet planned a rational

trees in town

alberi di città. 2011

approach, I prefer to follow my instinct and shoot when I feel some interest or emotion. Later, after having collected some material I will evaluate it and decide which way to go on. Actually crossroads (they are now officially called intersections) and spaces are among my interests.

Quando cammini vedi cose che dall’auto non osservi (questa è una delle ragioni per cui mi piace camminare). Una di queste sono i cambiamenti della tua città, che da automobilista diventano un problema: lavori in corso uguale ad ingorgo e perdita di tempo.

When you walk you see many things that you wouldn’t notice by the car (and this is one of the pleasures of walking). One of these are the changes of your town, changes that when you are a driver are mainly a problem: work in progress means traffic jam and waste of time. 

work in progress, lavori in corso

lavori in corso, work in progress - 2011

Amo camminare alla sera. Luci ed ombre creano un mondo nuovo. E’ come entrare in una dimensione diversa. E allora non cerco la foto perfetta, nitida.

bicycle in the night - bicicletta di notte

bicycle in the night

Cerco l’atmosfera. Queste due foto sono già state postate in agosto in questo articolo su fotografia e ricerca, quando cercavo il fresco. Ma le ripropongo perchè rendono l’idea. I love to walk in the night. Lights and shadows create a new world. It is like to enter a new dimension. Than I don’t go for the “perfect” photo. The sharp one. I look for the atmosphere. I have already shown these two photos last august, looking for freshness, in this post about photography and research but I show them again because this is  the idea!  E se il tempo è cattivo le foto sono ancora più interessanti! Un po’ di dramma non guasta! 

winter - inverno

sera d'inverno

And if the weather is not so good it is even better, more atmosphere in the photos. A little drama helps!

sera d'inverno, 2 - 2010

Amo anche andare in bicicletta (mezzo di trasporto molto amico dell’ambiente)  e le biciclette sono spesso presenti nelle mie fotografie.

I love also to use bicycles (a very environment friendly means of transport)  therefore bicycles are oft in my photos.

bicicletta in centro a busto

my town, summer 2008

Abitando in una piccola città non devo camminare per vedere i campi. E questi mi danno un senso di libertà, che potrei tradurre in fotografie un poco pittoriche, anche se solitamente trovo questo stile un po’ artificiali. Ci penserò sopra.

periferia

periferia, 2011

Living in a small town I do not need to walk too much in order to be in the country. This gives me a sense of freedom which I translate in my photo with a pictorial style, anche se non ne sono molto sicuro. I’ll think about it. 

cascina a busto arsizio

not far from home, 2011

 Queste sono le idee preliminari per il progetto “fotografie a km 0″che consiste in  fotografie scattate in posti che possono essere raggiunti a piedi (qualche volta in bicicletta) e pertanto sono amiche dell’ambiente. Concludo con un autoritratto, sempre a km zero!

These are the preliminary ideas and shots for my project “photography at km zero” which means all the photos are taken in a place which can be reached simply walking (or in a few cases by bicycle) and therefore are environmental friendly. I’ll close these notes with a self portrait, always at km zero !

I'm this one ! 2011

Potete cliccare sulle foto per vedere una versione ingrandita. You can click on the photos to enlarge them. 

16 thoughts on “My projects: photography at km zero

  1. Pingback: A winter diptych | the quiet photographer

  2. Pingback: Project km zero: new thoughts and a few photos | the quiet photographer

  3. beh è un progetto interessante che si coniuga bene con lo spirito del “fotografo tranquillo”. I grandi paesaggisti inglesi dicono che le migliori fotografie si fanno proprio vicino a casa e nella propria zona, perchè ci sono i luoghi che si conoscono meglio. Per gli inglesi che vivono nel Devon, in Cornovaglia o nella zona dei laghi è sicuramente vero, per noi paesaggisti (in erba) che viviamo nel gallaratese non è proprio sempre vero….Ma se l’obiettivo non è la “pura” fotografia di paesaggio ma il racconto dell’ ambiente che ti è prossimo e per come tu lo vedi, con immagini di diverso genere (architettura, paesaggio, street etc), allora la tua fotografia a km zero mi pare una grande idea.

    • E’ vero, il paesaggio che abbiamo vicino a casa non è a prima vista stimolante. Ma può diventare un punto di partenza per una ricerca di forma, di contenuto, di idee…vedremo.
      robert

  4. This is a wonderful project. And I always support this idea… You really did great post. With camera everything is being so enjoyable… especially when you come back home and when you see what you captured… Thank you dear Robert, Have a nice and enjoyable time with your camera. With my love, nia

  5. Mi piace molto questo progetto che sposa totalmente quello che io penso e la citazione che una volta ho letto: “la vera scoperta consiste non nel vedere nuovi scenari ma nell’avere nuovi occhi”. Complimenti per le foto.

    Angelo D’Anna

  6. These are true words!
    I’m alspo living on the countryside and in my opinion not a place that’s far away from you makes an photo faszinating but the skills and creativity of the photographer. Just because you are knowing every detail of the place you’re living at doeasn’t mean that it doesn’t offer great impressions to people who are also living there or don’t live there.

    • Thank for taking time to comment. Yes, the skills and creativity of the photographer are the key to produce an interesting photo. And creativity is much more involved when you have more limits in your activity. Maybe one day I’ll start a project photo in my rooms…
      robert

  7. you don’t have to walk or even travel far to find interesting things. They are there all around us every day, we just need to look with new eyes.
    I like your project, it will be fun 🙂 I am just coming to the close of one of mine, which took a bit longer than I hoped due to circumstances. But I already have my new project lined up and the first post is drafted for when I have completed the current one 😉

    You will love the pedometer, I have one too 😉

    • Thanks CherryPie, most of my projects take more time than I forecast to be finished. But it is important to force ourselves to go on with them, maybe slowly but we must keep our projects in mind. I’ll try to update them in this blog.
      robert

  8. Grazie a tutti, I thank you all for nice comments. The latest update is that yesterday I received a present from my cousin and it was … a Digital Pocket Pedometer. Now I’ll be able to know how many steps, km and calories …wow! But first I have to learn how to program it!
    robert

  9. Sounds like a great project. I agree with you, when you walk you see more – or even just see things differently. I love your last photograph. I’ve also passed on your link to my husband. I’m sure he will stop by your blog too. Looking forward to seeing more.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...