Buon Anno ! Happy New Year !

Non ricordo e mi dispiace in quale blog ho trovato questo video, ma fra i tanti che ho visto in questo periodo è il mio preferito. Ed allora desidero condividerlo con tutti voi, augurandovi un Buon Anno Nuovo ! Con amicizia,  robert

I do not remember in which blog I saw this video and I feel sorry for this, but among the many I saw in these days it is the one I prefer. Therefore I desire to share it with you , wishing everybody an Happy New Year ! With Friendship , robert

A few things about 2011

Alcune cose nel 2011                                               scroll down for english text, please

candles, Christmas 2011

Christmas 2011

Natale è passato, con i suoi pranzi e l’aria di festa e ci avviciniamo alla fine dell’anno. Questo è per tanti un periodo di bilanci sull’anno passato ed anch’io ci sto pensando. La cosa importane è che io ed i miei cari siamo tutti qui, in uno stato di salute accettabile.

Christmas lunch with my father in law, 97 and my wife, dec 2011

La situazione nel nostro paese è difficile ma dobbiamo affrontarla. Ma questo è un blog principalmente dedicato alla fotografia  ed io vorrei ricordare le cose belle che mi hanno coinvolto in questo campo nel 2011.

Christmas time is over, we are approaching the end of the year. It is for many the moment to make a balance of what happened in the last twelve months and me too, I’m doing my own balance. The most important thing is that me and my loved ones are all here, in an acceptable health situation.

dec 2011, the star om my small Christmas tree was a present to my mother when I born. It is as old as I'm !

The moment is not easy in our country and we have to face it. But this blog is about photography and I would like to think about the nice things which happened to me in the this field during the 2011.

Aver iniziato questo blog è fra le cose più belle. E’ una soddisfazione ricevere commenti e condividere immagini ed idee. Ma soprattutto è bello entrare in contatto con tanti altri amici blogger ricchi di talento, inventiva e capacità da varie parti del mondo. Ognuno con la sua storia di vita, viaggi, fotografie ed avventure. Un’esperienza che arricchisce veramente. Grazie a tutti.

Having started this blog is among the nicest things. It is a satisfaction to read the comments and exchange ideas and images. But more important it is nice to know so many other friends blogger, all talented from various areas of the world. Each one with his history, life, journeys, photographs and adventures. It is a real enriching experience. Thanks you all.

The Roma Journey, J.Eskildsen & C.Rinne

The Roma Journey, J.Eskildsen & C.Rinne

L’anno scorso in primavera ho partecipato ad un workshop con Joakim Eskildsen organizzato da MiCamera.  Il tema era “Fotografia Sublime, ovvero di come il segreto risieda nelle intenzioni del fotografo e non nell’evidenza del soggetto”. Joakim che ha studiato presso l’Università di Arte e Design di Helsinki ha illustrato il suo percorso di studi, gli autori che hanno influenzato il suo lavoro e la nascita e lo sviluppo dell’opera che lo ha reso noto internazionalmente “The Roma Journey”, resoconto di un viaggio di 6 anni attraverso il mondo e la cultura rom realizzato in coppia con la scrittrice Cia Rinne (oggi sua moglie). Ci ha anche illustrato il progetto in corso attualmente il cui tema è la propria famiglia. Ho imparato qualche cosa da questo workshop? Tanto, soprattutto che si può realizzare un progetto unico anche lavorando su un tema “consueto” se partiamo con occhio curioso e mettiamo determinazione ed attenzione in tutte le fasi . Per far questo dobbiamo imparare ad immedesimarci nei vari ruoli di committente (di noi stessi), autore, fotografo ed  editor. Questa è la teoria, io sto provando a metterla in pratica.

workshop eskildsen, planning a book layout - 2011

workshop eskildsen, discussing a book layout - 2011

It was spring when I took part in a workshop with Joakim Eskildsen, organized by MiCamera. The theme was “Sublime Photography, or how the secret is in the mind of the photographer and not in the emphasis of the subject”. Joakim who studied at the University of Art and Design of Helsinki explained his studies, the authors who had influence on his work and the development of the book which made him internationally famous “The Roma Journey”, a reportage from a 6 years journey in the world and culture of the Roma people . Journey and work made together with the writer Cia Rinne (his wife today’s). He also showed us he project he’s working on now based on his own family. Did I learn anything? Yes, a lot. Very important that it is possible to produce a special project even working on an usual subject if we have a curious eye and are determined and careful in each stage of the process . To do it we must wear various hats,  client (of ourselves) , author, photographer. editor. This is the theory I’m trying to translate into practice. 

Arles: una settimana di immersione totale nella fotografia. Altra esperienza forte. Per le mostre visitate, per gli amici incontrati e per le occasioni di fare fotografia. Ne ho già parlato e ne parlerò ancora.

Arles: a week of full immersion into photography. Another strong experience.

La Valise Mexicaine exhibition in Arles, 2011

The exhibitions we visited, the friends we met, the opportunities to make photographs. I have already spoken about and I’ll do again.

Il mio progetto “storia di un migrante” prosegue, con l’aiuto di mia moglie e di amici sono riuscito ad aggiungere qualche immagine (prima della selezione finale). Ho trovato scenari interessanti e mi è venuta qualche nuova idea. Devo ancora lavorare su questo.

My project about a migrant story  proceeds, with the help of my wife and some friends I managed to add some more photos (before the final editing). I scouted new interesting locations and got some other ideas. I have to work on this.

L’associazione spagnola Visual Huesca  mi ha coinvolto in un interessante progetto insieme ad altri 110 fotografi di tutto il mondo per celebrare i 111 anni dalla nascita del poeta Ramon J. Sender.  E’ stato emozionante pensare di collegare le mie fotografie a dei pensieri di questo scrittore. Ne ho parlato qui.

The spanish association Visual Huesca involved me in an interesting project: together with other 110 photographers from all over the world to celebrate the 111 years since the birth of the spanish poet Ramon J.Sender. It has been exciting  to connect my photographs with sentences of this writer. I have already spoken about this here

Abbiamo anche avuto l’occasione di un paio di viaggi brevi ma interessanti.  Il primo a Taranto per  presenziare ad un’esposizione fotografica cui partecipavo insieme al mio gruppo. La sede della mostra era presso un vecchio studio fotografico non più in uso in un’abitazione tipica e che ha reso l’esposizione ancora più bella. Taranto è una città di mare attraversata da un canale sul quale un ponte girevole si apre occasionalmente per far transitare le navi. Per non creare problemi al traffico automobilistico questo accade alle 5 del mattino.

Taranto , the swing-bridge, july 2011 5.00 AM

La luce particolare lo rende molto suggestivo. Non abbiamo potuto evitare di pensare che durante la seconda guerra mondiale  le navi in partenza per le missioni transitavano attraverso quel canale, con i genitori dei marinai che salutavano i propri figli dalle rive, pregando che tornassero.

taranto, 2011

We had also opportunity for two trips, short but interesting. The first was to Taranto (South Italy) in order to be present at a photographic exhibition my photo group had in that town . It was in an old photographic study no more used in a typical house, location which added a lot to the exhibition.

Me and my friend photographer Ida at the exhibition, july 2011

Taranto is a city at the seaside and is crossed by a channel where a swing-bridge is opened sometimes to let ships transit. In order not to disturb the car traffic the bridge is opened for the ship at 5 am. It is very evocative and we could not avoid to think that during the WW2 ships in mission were leaving through that way, with the parent along the channel greetings their sons on the ships, praying that thay could come back home. 

Un altro breve viaggio è stato in Toscana, nelle crete senesi. Fotograficamente  si è impegnata maggiormente mia moglie, io ho solo scattato le foto del migrante in un paio di luoghi un po’ fuori dal tempo. Abbiamo avuto modo di far conoscenza con Dominique Bollinger, fotografo francese che vive e lavora fra Roma e San Quirico d’Orcia dove ha una galleria. Oltre ad essere un bravo fotografo fine art è anche una persona squisita con cui è piacevole fare quattro chiacchere. Le sue fotografie sono state pubblicate sulle maggiori riviste internazionali e su libri e le potete vedere sia nel  suo sito che sul suo blog. Noi ne abbiamo comprata una in bianco e nero per il mio studio.

Another short journey we made to Tuscany, in the area south of Siena a dry area called Crete Senesi.  My wife was deeply involved in taking photos where I only took photos in a couple of places out of times for my migrant project. We met Dominique Bollinger a french photographer who lives and works between Rome and S.Quirico d’Orcia where he has a gallery. Beside being an excellent fine art photographer he’s a nice man and chatting with him is very pleasant. His photos are in books and worldwide known magazines and I suggest you to look at, in his web site or in his blog. We bought a small B&W print for my studio.

Ci sono anche stati altri momenti belli con amici e parenti, abbiamo visto spettacoli e concerti, partecipato a pranzi e cene, visitato mostre. Io ho frequentato un corso di disegno, partecipato ai cine forum insieme a mia moglie, insegnato italiano agli immigrati. E ho comprato tanti libri (si, è una piccola dipendenza!).

Si, ho vissuto tanti momenti emozionanti. E’ stato un buon anno! Grazie.

Buon Natale, 2011

There have been other nice moments with friends and relatives. We have been at shows, concerts, dinners, exhibitions. I took part in a drawing course, we went to movies-forums, I taught italian to the immigrants (it is what I do as volunteer).  And I could buy many books (I’m a little addict to books!) . Yes, we enjoyed many  exciting moments. It was a good year! Thanks!

S.Natale 2011

click on the photos to enlarge, please.              Cliccate sulle foto per ingrandirle, grazie.

The Christmas Crib on my desk

Il presepe sulla mia scrivania   Scroll down for english text, please

Sulla mia scrivania c’è un piccolo presepe. E’ molto semplice come quasi tutte le cose che apprezzo. Chi ha qualche esperienza di camera oscura noterà che è appoggiato su un marginatore. Lo aveva costruito mio papà, non so quando esattamente, ma certamente molti anni fa, quando io ero bambino o forse prima. L’angelo di latta l’ho comperato io in un mercatino in Germania. La Natività arriva dal Perù, è’ un presepe multietnico! I quadri sullo sfondo sono stati dipinti da mio papà. Spero che questo piccolo presepe da fotografo piaccia anche a voi. Vi auguro Buon Natale!

There is a little Crib on my desk. It is very simple, as most of the things I like. Who has a little experience of darkroom may notice that it is place on an enlarging easel. It was build by my father, I don’t know exactly when but for sure many years ago, when I was a child or even earlier. The tin angel I bought in Germany in a Christmas market. The Nativity is original from Perù, it is a Multiethnic Crib! The aquarel painting in the background were painted by my father. I hope you like my small photograper’s Christmas Crib. I wish you Merry Christmas!

presepe, presepio, crib

on my desk, dec 2011 click to enlarge

Quick update: no more chaos !

Aggiornamento: basta caos !      Please scroll down for english translation, thanks.

  

my working desk - dec, 2011

my studio, dec 2011

2011, dec.

La prima fase dell’ operazione riordino è terminata. Il grande caos è finito.C’è ancora tanto da fare per riordinare gli archivi, ma almeno ora lo spazio di lavoro è a posto e le “operazioni” successive possono essere fatte poco per volta. Adesso è il momento di pensare alle decorazioni di Natale, lo so è già tardi!

Painting is a poetry we do not see but we hear, and poetry is a painting we do hear and do not see . dec 2011

The first part of “the great ordering operation” is over! There is still much to do in order to organize all the archives, but at least the working place is now under control and I can work step by step.  Now it’s time to think about Christmas decoration, I know it is late again !

“Life is a dangerous adventure…” by Ramon J. Sender, poet

“La vita è una  pericolosa avventura…” di R. J.Sender, poeta.        Please scroll down for english translation.

 “La vita è una pericolosa avventura dalla quale nessuno esce vivo.”  Innegabile, semplicemente vero. Essenziale. E’ una frase del poeta spagnolo Ramon J.Sender nato a Huesca il 3 febbraio 1901.

“Life is a dangerous adventure from which nobody gets out alive.” Undeniable, simply true.  Essential. It is a sentence by Ramon J.Sender, spanish poet born in Huesca ,  february 3rd 1901. 

Il tre febbraio dell’anno prossimo sarà il centoundicesimo anniversario della sua nascita per celebrare la quale l’associazione VISUAL HUESCA  organizzerà una presentazione audiovisiva intitolata LEAP YEAR PHOTOGRAPHS (fotografie dell’anno bisestile) domandando a 111 fotografi di almeno 50 diversi paesi del mondo di interpretare visivamente alcuni testi selezionati dalla sua opera. Io ho il piacere di essere fra questi 111 fotografi.

February 3, next year will be the 111th anniversary  since his birth and to celebrate it the association VISUAL HUESCA will organize an audiovisual presentation titled LEAP YEAR PHOTOGRAPHS asking 111 photographers from throughout the world to visually interpret texts selected from Sender’s extensive work. I have the pleasure to be among the 111 photographers. 

La difficoltà maggiore quando si deve tradurre visivamente uno scritto è di evitare la banale illustrazione delle parole. E quando ci si trova di fronte a frasi come quella che ho citato secondo me occorre lasciarsi andare e seguire il cuore più che il cervello. Alcuni delle foto di lavori personali che sto preparando mi sembravano adatte. Altre foto sono state scattate pensando a queste frasi e dopo un accurato editing la mia selezione era pronta.

The main difficulty when we have to visually interpret a text is to avoid the banal illustration of the words.  And when we are in front of sentences like the one I mentioned I think all what we have to do is to free ourselves and follow the heart more than the brain. In the works I’m preparing there are some photos which could be appropriate which I choiced. I shot some other on purpose and after some editing my selection was ready, which you’ll find down here.

Ci erano state proposte 25 frasi fra le quali potevamo sceglierne 5. Guardiamole! E se vogliamo ingrandirle clicchiamoci sopra. Ogni commento sarà apprezzato, grazie.  We could choice 5 sentences among 25 which were proposed. Let’s give a look! And click to enlarge. I’ll appreciate all comments, thanks in advance.

Life is a dangerous adventure from which nobody gets out alive - La vita è una pericolosa avventura dalla quale nessuno esce vivo. R.J.Sender, poet.

The incongruency of life can only be compared to the incongruency of death. The two together constitute a great source of poetry. L'incongruenza della vita può essere paragonata soltanto all'incongruenza della morte. Le due insieme costituiscono una grande fonte per la poesia. R.J.Sender, poet.

Like all men, I'm infinitely limited. Come tutti gli uomini, sono infinitamente limitato. R.J.Sender, poet.

I believe, without placing blame, that the poor man was born with no choice in the matter - perhaps against his own will - and that he is taking the joke as best as he can . Io credo che il pover'uomo sia nato senza scelta in proposito - forse contro la propria volontà - e che si giochi al meglio la sua partita. R.J.Sender, poet.

Like bats, our spirit measures distances by echo. Come i pipistrelli il nostro spirito misura le distanze attraverso l'eco. R.J.Sender, poet.

They are many, but…

Sono tanti, ma…

Oggi è il mio compleanno. Si, sono tanti. Troppi? Non ancora, dipende da come li si prende!  It is my birthday today. Are they too many? No, not yet. It depends on how do we react…

I know, they are many! On the table is the present from Simo. I prefer the back cover of the book where Steve was younger and there is my first Mac! dec 10th 2011

Simo, Andrea, Marcelino and me ! dec 10th, 2011

more donkeys…

Altri asini…                              scroll down for english text, please 

geraldina

Sono tante le persone che amano gli asini. Sembra strano ma è vero, perchè sono animali simpatici, dolci  anche se un po’ testoni a volte. E allora ho pensato di dedicare loro questa piccola galleria. Cliccate sulla foto e buon diverrtimento!  I recently discovered that many people love donkeys. It seems strange but it isn’t strange because they are nice and sweet animals, sometimes with a too strong personality! Therefore I decided to add this small gallery . Click on the photo and enjoy it!

Km zero, the list

Km zero, la lista.                      Please scroll down for english text

Sto pensando come organizzare il mio progetto di fotografia a km  zero.  Vorrei qualche cosa di più che una raccolta di istantanee. Alec Soth è uno dei miei fotografi preferiti ed io ho impressa nella mente la foto del volante della sua auto con sopra un foglio di carta: la lista dei soggetti da fotografare per il suo lavoro Niagara. Potete vedere la foto in basso in questo articolo scritto da Jeff Severns Guntzel, articolo che contiene anche materiale interessante su questo fotografo. Ed allora ho iniziato a preparare la mia lista. Devo pur imparare qualche cosa dai fotografi che ammiro !

I’m actually thinking how to organize my project photography at km 0. I would like to make something more than just a collection of snapshots. Alec Soth is among my preferred photographers and I always have in my mind the picture of the steering wheel of his car with taped on it the list of the subjects he desired to photograph for his project Niagara. You can see the photo scrolling down  here, where there is a lot of good material about this photographer, written by Jeff Severns Guntzel.  Thinking about this I’m  preparing my own list. I try to learn something from the photographers whom I admire!

Gru è una delle parole nella mia lista: ho già espresso la mia preoccupazione per il troppo costruire in questo articolo. Domenica era una giornata con una luce interessante, variabile, Simo (mia moglie) voleva stare tranquilla a curarsi i postumi di un’influenza ed io ne ho approfittato per una passeggiata. Ho avuto modo di scattare qualche foto. Potete cliccare sull’immagine per ingrandirla.

Cranes are at the top of my list, as I already explained here I’m worried because of over building in my town. Last sunday the light was beautiful, Simo (my wife) was quiet at home and I went for my daily walk, during which I took some pictures. You can click on the photo to enlarge.

when this building will be finished I'll be no more able to see the Alps from my window, nov 2011

Ma la luce era troppo bella e ne ho approfittato per scattare una foto ad un’altro dei miei soggetti: i camioncini ! But the light was very good and I took the opportunity for a picture of another of my preferred subjects: small trucks.

gas, nov 2011

Sulla mia lista ci sono anche gli incroci, le intersezioni e le rotatorie . On my list are also crossroads and  intersection.

nov 2011, intersection with a textile machine

Io non so perchè ma ogni volta che passo vicino a questi due alberi devo fotografarli! I don’t know why, but ech time I walk near these two trees I have to take a photo! 

my beloved trees, with a crane. nov 2011

Questo è  l’inizio di un progetto che credo passo dopo passo crescerà. Ora devo proseguire a preparare la mia lista. This is the beginning of  a project which, step after step  will grow up. Now I have to go back to my list to prepare. 

E forse non ci crederete, ma anche nella mia città possono esserci colori bellissimi!

Maybe you do not believe it, but even in my town colors can be great!

E a proposito di colori….And about colors…please enjoy!

Chaos, chaos and… chaos again !

Caos, caos e …ancora caos!    Scroll down for english text, please.

Qualche settimana addietro ho deciso di riorganizzare i miei armadi fotografici, inclusi gli archivi. Pensavo fosse facile ma mi sono trovato immerso in un’impresa quasi superiore alle mie forze. Per prima cosa ho svuotato gli armadi e disposto tutto provvisoriamente in scatoloni.  Poi ho iniziato a selezionare, cosa tenere e cosa eliminare. Ed allora la confusione ha iniziato a regnare.

our table, nov. 2011

Qualcuno mi ha detto che è dal caos che nascono le cose migliori: mi auguro sia vero. E’ per questo che non scrivo molto in questi giorni. Abbiate pazienza, mi sono imposto una dead line per l’ 8 dicembre, data in cui insieme a Simo inizierò a decorare la casa per il S.Natale.  Vi lascio con qualche immagine della situazione attuale. A presto.

A few weeks ago I decided to give more order and organisation to my photography related things, my archives included. I thought it easy but then I found myself embarked in an  tremendous task. First I removed everything from the cupboards and put it temporarily in a few (ok, many)  cardboard boxes.

slides boxes are everywhere, nov. 2011

Than the selection started: to keep something, to get rid of something else. And it was at this stage that the confusion started to reign. Someone told me once that the best things born  from the chaos: I wish myself it is true! Because of this I’m not writing so much lately, please be patient. I also set a dead line: december 8th, which is the day when my wife Simo and me will  start to decorate the house for the next Christmas. Going back to work now, I leave you with some snaps of actual situation. I’ll be back soon !

a corner in my studio, nov 2011

the studio, nov 2011

L’ 8 dicembre è tremendamente vicino! E ci sono sempre le solite cose da fare, una camminata al giorno, spesa, pranzi e cene …ma ci riuscirò!

December 8th is terribly near! And of course there is the daily routine, 1 hour walking, buying food, cooking food (and eating) …but I’ll manage it!