Blue sky at km zero and…

Cielo blu al km zero e …                  Please scroll down for english text, thanks

Ce ne siamo accorti tutti: l’inverno se ne è andato.

Anche se a me un poco dispiace ammetto che i colori della primavera mi colpiscono. Nelle belle giornate il cielo è veramente blu. Scampoli di verde appaiono attorno a noi. E allora viene voglia di lasciar perdere tante cose e fare una passeggiata.

We all noticed it: winter has gone. I feel a little sorry but I have to admit that the colors of spring hit me. When the weather is good the sky is really blu. Pieces of green are appearing around us. Therefore we forget everything else and go for a walk. 

Passeggiare, camminare, correre, muoversi: a volte è faticoso ma sempre meglio che…lavorare! Questo è il mio detto da pensionato! E come fotografo mi permetto piccole ricerche. Per esempio non fotografare le cose ma quello che sta fra le cose. Può essere il cielo (blu) fra un muro ed il telone di un camion, l’ombra di un albero fra due porte.

Walking, running, strolling, keeping moving : sometimes it can be fatiguing but it always easier than working (this is a a quote from myself as an old retired man!). And as a photographer I can take this opportunity for small personal researches. For example I tried not to take pictures of things but what is between the things. Like the (blu) sky between a wall and a truck or the shadow of a tree between two doors.

Anche alcuni dettagli su di un muro, illuminati dalla luce radente (e girati in verticale) richiamano il mio interesse, per una piccola ricerca grafica. E la grafica mi fa pensare alle geometrie. E quando nelle geometrie entrano le forme ed i colori della natura sono ancora più interessato!

Even small details on a wall with a grazing light (and rotated in vertical) become interesting for my small graphic research. And the grphic let me think about geometries. And when together with the geometries we have the organic forms and the colors of the nature I’m even more interested.

Per un fotografo il trucco è tutto qui: guardare, vedere attorno a noi, cercare anche al famoso km  zero quello che ci interessa. La fotografia è un mix di forma e contenuto. A volte prevale l’uno, a volte l’altro. E allora proviamo a guardarci intorno. E a lavorare con quello che abbiamo…

For a photographer this is the trick: to look around, even at the km zero, for what is interesting. Photography is a mix of form and  content. Sometimes one is more important, sometimes the other is more important. Let’s try to look around ourselves. And to work with the available instruments…

22 thoughts on “Blue sky at km zero and…

  1. Saper cogliere i particolari non è da tutti, a volte l’occhio chissà perché cerca sempre qualche cosa di speciale quando invece ci sono tantissime cose che meritano attenzione. Io ad esempio non ho molto occhio per i particolari, me li perdo continuamente. Dovrei allenare il mio occhio a guardarsi intorno cogliendo le sfumature di ciò che vede, anche quelle che potrebbero sembrare più insignificanti
    Ciao, Pat

  2. E’ bello il concetto del “non dover andare chissà dove” per fare una bella fotografia. Ed è bello riuscire a rendere speciale anche un soggetto “convenzionale”, semplicemente cambiando prospettiva, il nostro modo di osservare, il nostro punto di vista.
    Mi piace molto la foto con le porte e la bicicletta appoggiata. E poi la composizione del muro. E poi quella con la striscia di cielo blu. Semplice, ma di grande impatto.
    Come sempre, ci spingi a riflettere!

  3. Condivido assolutamente la tesi del km zero. Come diceva qualcuno molto famoso, la fotografia mostra, non dimostra, rende un modo di guardare, non qualcosa di reale. Anzi, mostra quello che esiste veramente solo nella mente (nello sguardo) del fotografo. Questo tuo spunto è interessantissimo, esprime molto bene in immagini il sacrosanto concetto. Mi piacciono particolarmente le 3-5-6. (3) Il cielo è un’area astratta di colore blu, (5) le forme concrete su un muro si compongono dando forma a un giustapposizione fantasiosa ed armonica, (6) poligoni e geometrie si impongono con ortogonalità all’attenzione, sovrapposte ad erba e cielo. C’è un denominatore comune, l’astrazione, un’operazione fotografica essenziale, indispensabile…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...