The holidays photos: a few thoughts…part one.

Foto delle vacanze, qualche pensiero… english text? please, scroll down.

Sono in vacanza con la mia macchina fotografica e tre pellicole da 100 iso. 3×36= 108 fotografie in circa 10 giorni. E allora sto pensando a cosa e come si fotografa in vacanza. Dirò anzitutto che io distinguo due tipi di viaggio con macchina fotografica al seguito: si viaggia con lo scopo di fare delle fotografie oppure si viaggia e nel frattempo si fanno anche delle fotografie. Nel primo caso ogni scelta deve esse in funzione del progetto fotografico. Amo i paesaggi e questo scorcio è interessante, ma accidenti è mezzogiorno e questa luce non è proprio adatta. E allora domattina punto la sveglia alle sei e alle sette sono sul posto con la luce idonea per le mie foto. Ma a volte si viaggia solo per trovare un posto tranquillo dove riposarsi, come stiamo facendo noi ora. E’ una vacanza.

I’ on holiday with my photocamera and three iso 100 films. 3×36 = 108 photos I can take in these 10 days. This let me think about what and how do we take photos when on holiday. First I would like to make clear that I believe there are two possible way to travel with a photocamera: one is when we travel  in order to make photos the other is when we travel for any reasons and meantime we take photos. In the first case choices have to be made according to our photographic project. Let say I love landscape photos and I’m in a beautiful place, but it’s midday and there is a terrible strong direct light. Really not the one I wanted. Therefore I’ll wake up at six tomorrow and at seven I’ll be in the place with a beautiful light. Of course this is just an exemplification. But sometimes we only travel in order to find a quiet place where to relax a little, As we are doing now.

Io credo che durante una vacanza si facciano tre tipi di foto: il primo tipo sono le foto ricordo, quelle per l’album di famiglia. Per intenderci quelle vicino al monumento famoso, nella piazza principale o di fronte all’albergo. Sono foto importanti ed il primo suggerimento che mi sento di dare è una volta a casa fatele stampare, possibilmente con luogo e data sul retro (si possono nominare i files in modo che ci siano questi dati) dopo potete metterle in un album, in una busta o in una scatoletta e quando fra qualche mese o qualche anno le guarderete sarete contenti di averlo fatto. Fin qui tutto semplice.

I believe when on holiday we make three kind of photos: the first one are the pictures for our memory album. The ones near the cathedral, in the main square or in front of our hotel. These are important photos and my first suggestion for you is once back home have them printed possibly with place and datum on the backside (you can rename the files in order to have these specified. Than put in an album or in an (empty) shoebox and when in a few months or in a few years you’ll find them you’ll be happy for having done it. Untill here it’s easy.

Un poco più difficile è se pensiamo agli altri tipi di foto. Il secondo è quello che vorrebbe documentare dove siamo. Soprattutto se in una località turistica il rischio cartolina/clichè è in agguato. Io sono  in Austria in questo momento e come faccio a non fotografare il prato verde, con lo chalet di legno ed il cielo azzurro? Oppure i dipinti sulle case? E allora facciamo anche qualcuna di queste foto. Ma forse si può anche cercare un momento con una luce diversa, perchè non al tramonto? E le chiese, i castelli ed i monumenti? Personalmente credo che con pochi euro ci si possa procurare immagini scattate da professionisti con attrezzature idonee e nei momenti migliori.  A meno che abbiamo visto qualche dettaglio minore ma interessante.

It is more complicated when we think of the other two kinds of photos. The second is when we would like to document the place where we are. Specially if we are in a touristic area the risk is behind the corner: it’s name is postcard or cliché. I’m actually in the Austrian Alps and how cannot take photos of these beautiful green fields, full of flowers, with a nice wood chalet and a blu sky? Or the nice paintings on the houses? Ok, let’s take these pictures. But let’s try as well to take a few of them in a different time of the day, maybe at sunset. And how about churches, castles and monuments? Personally I believe it is better to spend a few euros and buy booklets or postcards made by professional photographers with special gear and in the best time of the year. Unless we have seen a detail, maybe a minor one but interesting.

I dettagli mi portano al terzo tipo di foto che è possibile fare in vacanza: quelle che ci piace fare! I soggetti che ci interessano per un  motivo qualsiasi, anche se non sono strettamente legate al luogo. Come per me questi libri. Ieri ho scattato delle foto di un incrocio qui vicino al crepuscolo. Questa mattina un tavolo da ping-pong ancora bagnato dalla pioggia. Certo, se una volta tornati le farò vedere qualcuno mi dirà che potrebbero essere state scattate anche alla periferia della città dove vivo. E’ vero, ma a me interessano non per il luogo ma per il contenuto, i colori, le linee.

The details bring me to the third kind of holiday photos: the ones we like to take! We have preferences in our subjects, in our interests which are not place related. As for me the books, here. Yesterday I took photo of a crossroad at dusk. This morning  I noticed a ping-pong table still wet from yesterdays rain. Sure, when I’ll show (if) them once back home someone will tell me that they could have been taken in the suburbs of my town. It’ true, but I was not interested in the place but in what I saw, the lines, the colors.

Cocludendo: in vacanza fotografo un poco di tutto, seguendo le mie sensazioni interiori. Ricordando che ho poco più di 100 scatti a disposizione. Una volta a casa deciderò cosa fare e come organizzare queste foto. Credo che trovare un giusto bilancio fra creatività e documentazione sarà la parte centrale del lavoro di editing. Ne parlerempo a suo tempo.

Conclusion: during my holiday I take different kind of photos, following my inside suggestions. And not forgetting that I have around 100 shoots to available. Once back home I’ll decide how to organzie. I believe that finding the good balance among documentation and creativity will be the main part of my editing. We’ll speak about it.

E se la cosa migliore fosse una presentazione volutamente sbilanciata?

And how about a really wanted unbalanced selection?

10 thoughts on “The holidays photos: a few thoughts…part one.

  1. Pingback: Progetto NO CUT » Marco Fatilli

  2. Pingback: The sacred and the profane, my austrian photographs | the quiet photographer

  3. Pingback: Photographs from my holiday, part 1. | the quiet photographer

  4. Pingback: My austrian (film)photos : editing. | the quiet photographer

  5. Pingback: The holidays photos: a few thoughts…part two. | the quiet photographer

  6. Pingback: Back home, relax with music | the quiet photographer

  7. So beautifully true these three different types of photographs. Often my first job upon returning from a trip (particularly a family trip) is to sort the images into these three groups. I look forward mostly to the members of your third group .. .the photos you like(d) to take.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...