My projects: photography at km zero, nov 2011, reloaded

I miei progetti: fotografia a km zero, riproposto.

Ogni tanto riproporrò un articolo vecchio, di qualche anno addietro. Nelle mie intenzioni si potrà vedere come è cambiato il blog nel tempo, come sono cambiati i miei interessi, come è cambiata la mia fotografia. Forse anche come sono cambiato io. Forse…

Sometimes I’ll reload an old article, from a few years ago. I think this will make possible to see if and how the blog changed, how my interests changed, how my photography changed. Perhaps how I changed. Perhaps…

the quiet photographer

I miei progetti: fotografia a km zero.      please scroll down for english text, grazie!

Quando raggiungi una certa età i medici ti dicono che devi fare movimento, esercizio, camminare almeno un’ora al giorno. Ho sempre amato camminare, in montagna, in campagna ed anche nella mia città, guardandomi attorno. E a volte porto con me una macchina fotografica e scatto qualche istantanea. Da quest’abitudine è nato un nuovo progetto: fotografia al km zero. E’ vero tutti noi, almeno molti di noi (ed io sono fra questi) sognano viaggi in paesi lontani, magari un poco misteriosi dove scattare bellissime fotografie. Ma io credo che non sia necessario andare lontano per trovare soggetti interessanti. Anche i nostri dintorni, se osservati con occhio curioso e mente aperta possono offrire molti spunti. 

When you reach a certain age all the doctors tell you to practice some physical activities, or to walk at…

View original post 769 altre parole

6 thoughts on “My projects: photography at km zero, nov 2011, reloaded

  1. Per riavvicinarmi un po’ alla fotografia che, purtroppo e per varie ragioni, ho trascurato tanto negli ultimi mesi, ho deciso di iniziare il 365 project. Per sentirmi più libera uso il cellulare che ho sempre con me e non la reflex… non so cosa verrà fuori, ma ci voglio provare di nuovo visto che qualche anno fa avevo abbandonato dopo alcuni mesi. Sempre di ispirazione i tuoi post! Ciao!

    • Grazie per le tue parole, sempre gradite. E’ bello sapere che ti riavvicini alla fotografia, sono sicuro verranno fuori cose interessanti. Ricordati di proporne qualcuna!
      robert
      PS: reflex, cellulare, digitale, polaroid, lastre, toy cameras….non importa: è l’immagine che ne esce che importa, l’emozione che produce…e in questo eri, anzi, sei molto brava !

      • Grazie!! 😊 Anche io non sono particolarmente legata al mezzo e credo che conti solo l’immagine, quello che vediamo, quello che sentiamo e ciò che riusciamo a trasmettere. Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.